Home Politica Papasso vs Iacobini: tuoni e fulmini

Papasso vs Iacobini: tuoni e fulmini

554
0
SHARE

Ivan Iacobini presenta la sua squadra vitale ed entusiasta. E, solo per sintetizzare, Iacobini punta, tra le altre cose, sulla politica comunitaria del nuovo Por «con lo scopo ben preciso di attingere a fondi comunitari garantendo trasparenza e partecipazione attiva e consapevole dei cittadini, concertazione e partenariato pubblico-privato, compatibilità ambientale, la creazione di un sistema integrato per il turismo, la rivalutazione dei trasporti e degli impianti sportivi, l’impiego di energie rinnovabili, con il sogno nel cassetto di fare di Cassano una smart city , più vigilanza e sorveglianza del territorio ed una razionalizzazione della spesa pubblica, con lo scopo ben preciso di ridurre il carico fiscale alle famiglie».

C’era molta gente, c’erano i nuovi e giovani candidati, c’era Gianluca Gallo de La Calabria che Vuoi, che fu il primo a credere in Ivan Iacobini assegnandogli un assessorato durante la sua amministrazione. Non c’era Mimmo Lione, colui che dopo lusinghieri risultati di Gallo, gli fece perdere la Città. Sì, perché fu il non voto a Lione che determinò il voto disgiunto e poi l’anatra zoppa e poi ancora le varie stampelle, costate non poco alla dignità di una città.

Iacobini, che ogni giorno “studia” da politico, ha voluto toccare un tema rovente: «Qualcuno privatamente mi parla di una situazione di pre-dissesto finanziario».

Tuoni e fulmini.

E anche un guanto di sfida. Lo lancia il comitato Papasso sindaco: «Iacobini venga in piazza a portare le carte che testimoniano il predissesto».

Però,
per sfidarsi, anche solo verbalmente, occorre almeno saper parlare la stessa lingua.

E se è vero che la magistratura stia attenzionando Cassano ed illustri esponenti, non tralascerà una dichiarazione “pesante” come quella siglata dal Comitato Papasso Sindaco: «In primis, il Sindaco Papasso è riuscito a riportare nel comune legalità e trasparenza, scardinando una “cupola” troppo abituata alla cura dei propri interessi; la stessa che si è prodigata per causare la cacciata del Sindaco Papasso dal Comune e che ora si stringe compatta attorno al candidato Iacobini, che impropriamente dice di rappresentare il “nuovo”».

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here